Home » La croce perduta (Il Teutone, #1) by Guido Cervo
La croce perduta (Il Teutone, #1) Guido Cervo

La croce perduta (Il Teutone, #1)

Guido Cervo

Published
ISBN : 9788856609967
Hardcover
274 pages
Enter the sum

 About the Book 

È il 1241.Dalle steppe dellEst unondata di uomini dilaga nel centro dellEuropa. Sono assetati di sangue e saccheggi, una fama di crudeltà ed efferatezza li precede.Sono Tartari, un nome ormai sinonimo di terrore.Le forze cristiane chiamate aMoreÈ il 1241.Dalle steppe dellEst unondata di uomini dilaga nel centro dellEuropa. Sono assetati di sangue e saccheggi, una fama di crudeltà ed efferatezza li precede.Sono Tartari, un nome ormai sinonimo di terrore.Le forze cristiane chiamate a raccolta dal duca di Slesia, Enrico il Pio, li considerano selvaggi. Pagheranno caro lo sprezzo.Nella battaglia di Liegnitz, lesercito viene annientato. Le città che si trovano sulla strada degli invasori sono rase al suolo, le popolazioni disperse.Di ritorno dalla Terrasanta, Eustachius von Felben, monaco guerriero dellOrdine dei cavalieri teutonici, sta attraversando con un pugno di compagni quelle terre devastate.È un uomo darme, animato però da una fede incrollabile e ardente, nella quale soltanto trova rifugio dallincalzare dei suoi tormenti interiori.In marcia verso il Nord, deve scortare un mercante veneziano, latore di unimportante missiva del Doge per il Gran Maestro dellOrdine in Prussia, e di un dono di valore inestimabile, prezioso quanto una reliquia: una croce tempestata di gemme, appartenuta a santElena, madre dellimperatore Costantino.Dopo quasi ventanni di battaglie in Terrasanta, Eustachius dovrà misurarsi con altri infedeli, più pericolosi di Turchi e Saraceni, perchè molto più prossimi ai confini del mondo cristiano.I Tartari infatti sono ormai ovunque, tutto intorno al piccolo manipolo di uomini che viene assalito e depradato.Armato solo della propria spada e della sua fede, Eustachius dovrà combattere per strappare al capo dellorda nemica la croce rubata e per sottrarre centinaia di cristiani alla crudeltà dei barbari invasori.Perchè quella è la sua missione di cavaliere: difendere i deboli e la Croce.Sempre e a qualunque costo.